Siate portatori dell'acqua dello Spirito - Vieni Santo Spirito

Vai ai contenuti

Menu principale:

Siate portatori dell'acqua dello Spirito

Vieni e vedi. Il nostro progetto
Padre Raniero Cantalamessa al popolo del Rinnovamento
 
SIATE PORTATORI DELL'ACQUA DELLO SPIRITO!
Sintesi dell’intervento di P. Raniero Cantalamessa alla 39° Convocazione RnS 2016



Per narrare la misericordia di Dio, padre Raniero Cantalamessa usa la metafora del fiume che scorre dalla roccia della Trinità e che a tratti si trasforma in cascate, picchi di amore per l'uomo: L'Incarnazione, la Passione, la Pentecoste.
Un fiume di misericordia in cui l'uomo può immergersi con una rinnovata decisione di fede, con un'improvvisa e personalissima presa di coscienza: Cristo si è immolato per me, «non c'è più nessuna condanna per chi è in Cristo Gesù, perché la legge dello Spirito mi ha liberato dalla legge del peccato e della morte» (cf Rm 8, 1-2).
Il Predicatore della Casa pontificia interviene a Rimini con una relazione sul tema: "Va' nella tua casa, dai tuoi, annuncia la misericordia che il Signore ha avuto per te" (cf Mc 5, 19), e chiama con forza il Rinnovamento a quella che definisce «la sua specifica opera di misericordia: dar da mangiare agli affamati e da bere agli assetati.
Noi - dice l'Anziano del Rinnovamento - non siamo certo dispensati dal fare la nostra parte per procurare cibo materiale e acqua da bere a chi ne ha bisogno, ma a noi è affidato in modo speciale il compito di soddisfare un'altra fame e un'altra sete presenti nel nostro Occidente secolarizzato».
P. Raniero cita le parole di Dio al profeta Amos: «"Verranno giorni in cui manderò la fame nel paese; non fame di pane né sete di acqua, ma di ascoltare la parola del Signore"(cf v. 11). Magari - continua - arrivassero anche per noi giorni di questa fame e di questa sete! Il compito di annunciare oggi la misericordia è ancor più arduo.


Antico portatore di acqua

Non si tratta, infatti, solo di soddisfare la fame del pane di vita e la sete dell'acqua viva. Si tratta prima di tutto di farla sentire questa fame, di farla venire questa sete. La nostra, infatti, è una società di "anoressici" spirituali», e a questo proposito ripercorre il dialogo tra Gesù e la Samaritana, «che ha sete di amore, come il mondo intorno a noi».
Un mondo «che cerca di soddisfare questa sete nel sesso, nel denaro, nell'apparire, e al quale Gesù dice con infinito amore: cerca altrove la felicità!». Ecco allora la vocazione del Rinnovamento, suscitare nell'uomo la fame e la sete di Dio: «Il compito che il Signore affida a voi - continua p. Raniero rivolgendosi al popolo del Rinnovamento - è essere portatori dell'acqua dello Spirito Santo a tutti gli assetati. Papa Francesco vi ha chiesto di condividere con tutti il dono dello Spirito: questo è il talento che non dobbiamo sotterrare!
E non si tratta solo di dare la Preghiera di effusione nello Spirito, ma di aiutare a far penetrare lo Spirito Santo in ogni aspetto della vita cristiana, di incoraggiare l'esercizio dei carismi, di vivere la proclamazione che "Gesù è il Signore"». Proclamazione, spiega p. Raniero, che ha in sé la potenza «di un'energia nucleare e la cui riscoperta è il grande dono che lo Spirito, attraverso il Rinnovamento, ha fatto alla Chiesa. Diventiamo tutti allora - conclude il Predicatore marchigiano - ruscelli del grande fiume della misericordia di Dio, che rallegra la città di Dio».  (Lucia Romiti)



Scarica il PDF di questo testo:
Clicca sul link per scaricare il file PDF. Lo puoi conservare, duplicare e stampare. Lo puoi inviare ai tuoi amici come allegato e-mail o WathsApp. Puoi diffonderlo con ogni altro mezzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Riceverai periodicamentee gratuitamente informazioni su tutte le nostre attività

Tip

Tip

Tip
 
Cerca nel sito
Sito del Progetto "Vieni e vedi". RnS, Diocesi di Latina. Webmaster: bruno@vss.one
Torna ai contenuti | Torna al menu