Babele o Pentecoste? - Vieni Santo Spirito

Vai ai contenuti

Menu principale:

Babele o Pentecoste?

Cultura della Pentecoste
BABELE O PENTECOSTE
Per una civiltà della comprensione e dell’amore
«Nel nostro tempo, avido di speranza, fate conoscere e amare lo Spirito Santo. Aiuterete allora a far sì che prenda forma quella Cultura della Pentecoste, che sola può fecondare la civiltà dell’amore e della convivenza tra i popoli».
(San Giovanni Paolo II, lettera autografa al RnS, 29 aprile 2004)

L’incoraggiamento del Pontefice a sostegno di una Cultura della Pentecoste è manifesto nell’appello con il quale conclude la sua Enciclica sociale: «Lo sviluppo ha bisogno di cristiani con le braccia alzate verso Dio nel gesto della preghiera, cristiani mossi dalla consapevolezza che l’amore pieno di verità, caritas in veritate, da cui procede l’autentico sviluppo, non è da noi prodotto ma ci viene donato… Lo sviluppo implica attenzione alla vita spirituale in Cristo, di affidamento alla Provvidenza e alla Misericordia divine» (cf n. 79).


BABELE O PENTECOSTE

A Babele, secondo il racconto biblico, era iniziata la dispersione dei popoli e la confusione delle lingue, frutto del gesto di superbia e di orgoglio dell’uomo».
La Pentecoste sana la ferita inferta all'umanità a Babele: «non c’è più l’orgoglio verso Dio, né la chiusura degli uni verso gli altri, ma c’è l’apertura a Dio, c’è una lingua nuova, quella dell’amore che lo Spirito Santo riversa nei cuori».
Se a Babele ci fu la confusione delle lingue, a Pentecoste gli uomini di Dio, pur parlando lingue diverse, sono compresi e si comprendono. La lingua nuova è la lingua dello Spirito, la lingua del Vangelo, la lingua della comunione che invita a superare chiusure e indifferenza, divisioni e contrapposizioni.



Ancora oggi l’uomo continua a costruire le torri dell’orgoglio e della divisione

Tutti dobbiamo scegliere fra Babele e la Pentecoste. Sempre più si ripete oggi quello che è accaduto a Babele: divisioni, incapacità di comprendersi, rivalità, invidie, egoismo.
Ciascuno dovrebbe chiedersi: Io vivo la Babele o la Pentecoste?
Io che cosa faccio con la mia vita? Faccio unità attorno a me? O divido, con le chiacchiere, le critiche, le invidie? Che cosa faccio? Pensiamo a questo.
La cultura della Pentecoste salverà il mondo, se gli uomini sapranno comprenderla e farla propria.



Lo Spirito parla il linguaggio universale dell’amore


Scarica il PDF di questo testo:
Clicca sul link per scaricare il file PDF. Lo puoi conservare, duplicare e stampare. Lo puoi inviare ai tuoi amici come allegato e-mail o WathsApp. Puoi diffonderlo con ogni altro mezzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Riceverai periodicamentee gratuitamente informazioni su tutte le nostre attività

Tip

Tip

Tip
 
Cerca nel sito
Sito del Progetto "Vieni e vedi". RnS, Diocesi di Latina. Webmaster: bruno@vss.one
Torna ai contenuti | Torna al menu