Chi mi chiama a fare questo? - Vieni Santo Spirito

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi mi chiama a fare questo?

Vita spirituale
Chi mi chiama a fare questo? Discernere gli spiriti
Non prestare “fede ad ogni spirito”
CHI MI SUGGERISCE QUESTA IDEA?

Il cristiano deve seguire la strada che porta a servire il prossimo, chi ha bisogno, “mettendo alla prova gli spiriti” e facendo attenzione a non imboccare direzioni suggerite “dall’anticristo”.
Papa Francesco, nella consueta messa mattutina a Santa Marta, ha preso spunto dalla Prima Lettura di San Giovanni Apostolo. “Rimanere in Dio – ha evidenziato il Pontefice – è un po’ il respiro della vita cristiana, e lo stile. Un cristiano è quello che rimane in Dio,  che ha lo Spirito Santo e si lascia guidare da Lui”.
Al tempo stesso, ha ricordato Francesco, l’Apostolo mette in guardia dal prestare “fede a ogni spirito”.
Bisogna, dunque, mettere “alla prova gli spiriti, per saggiare se provengono veramente da Dio. E questa è la regola quotidiana di vita che ci insegna Giovanni”.
Si tratta di “saggiare, vedere cosa succede nel mio cuore. Qual è la radice di ciò che sto sentendo adesso, da dove viene? Questo è discernere se quello che sento viene da Dio o viene dall’altro, dall’anticristo”.

Le opere di misericordia, ha avvertito ancora il Pontefice, “sono al centro della nostra fede”.
Possiamo fare “tanti piani pastorali”, ha detto ancora il Papa, immaginare nuovi metodi per avvicinarci alla gente, ma se non facciamo la strada del Figlio di Dio che si è fatto Uomo per camminare con noi, non siamo sulla strada dello Spirito: stiamo seguendo l’anticristo, la mondanità, lo spirito del mondo”.
Come di consueto, il Papa ha fatto ricorso ad esempi concreti:
“Quanta gente troviamo, nella vita, che sembra spirituale: “Ma che persona spirituale, questa!'; Però, non fa opere di misericordia”.
Perché?
Perché le opere di misericordia sono la prova del nostro credo, che il Figlio di Dio si è fatto carne.
Visitare gli ammalati, dare da mangiare a chi non ha cibo, aver cura degli scartati …
Opere di misericordia: perché sono necessarie? Perché ogni fratello nostro, che dobbiamo amare, è carne di Cristo.
Dio si è fatto carne per identificarsi con noi. E il fratello che soffre è Cristo che soffre.
“Non prestate fede a ogni spirito, state attenti – ha ribadito il Papa – mettete alla prova gli spiriti per saggiare se provengono veramente da Dio”.

I SEGNI

Il servizio al prossimo, al fratello, alla sorella che ha bisogno, anche solo di un consiglio, che ha bisogno del mio orecchio per essere ascoltato, questi sono i segni che stiamo camminando sulla strada del vero Spirito, cioè sulla strada del Verbo di Dio che si è fatto carne”.


Scarica il PDF di questo testo:
Clicca sul link per scaricare il file PDF. Lo puoi conservare, duplicare e stampare. Lo puoi inviare ai tuoi amici come allegato e-mail o WathsApp. Puoi diffonderlo con ogni altro mezzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Riceverai periodicamentee gratuitamente informazioni su tutte le nostre attività

Tip

Tip

Tip
 
Cerca nel sito
Sito del Progetto "Vieni e vedi". RnS, Diocesi di Latina. Webmaster: bruno@vss.one
Torna ai contenuti | Torna al menu