Papa Francesco e la decima del cumino - Vieni Santo Spirito

Vai ai contenuti

Menu principale:

Papa Francesco e la decima del cumino

Riflessioni senza pretese
Papa Francesco e la decima del cumino
“Guai a voi, perché pagate la decima della menta, dell'aneto e del comino, e trascurate le cose più importanti”
PAPA FRANCESCO E LA DECIMA DEL CUMINO (Mt 23)

Non sono ancora sopite tutte le dispute e le resistenze rispetto alle innovazioni del Concilio Ecumenico Vaticano II, che già se ne annunciano altre ben più gravi sulla impostazione che Papa Francesco sta cercando di imprimere alla pastoralità della Chiesa.
L’annuncio di un Concilio, che vuole essere evento di misericordia, solleva un vespaio di contestazioni da parte dei fedeli più tradizionalisti e benpensanti, i quali si affannano a pesare le parole e le intenzioni del pontefice con lo stesso bilancino con cui si pesa la decima del cumino, fino a farlo sentire colpevole di comunismo.
Formidabile la risposta: “Se volete, posso recitarvi il Credo…”.
Ad alcuni non interessa che la Chiesa continui a essere madre anche oggi e domani come lo è stata negli ultimi duemila anni, anzi, questo dettaglio è secondario.
L’inno “Cristus vincit” non risuona più: non è importante che Cristo vinca, ma che i milligrammi del cumino corrispondano esattamente alle tabelle predisposte con tanta fatica da generazioni di pesatori precedenti. Se la vittoria di Cristo nell’universo, cioè nel mondo di ieri, oggi e domani, si deve ottenere violando le prescrizioni di ieri, bene, allora non possiamo permettere che Cristo vinca. Prima la legge.
Come al solito, quando il dito indica la luna, gli sciocchi guardano il dito.
Del resto l’umanità è fatta così, se Dio, quando creò l’uomo, volle che la categoria dei pesatori di cumino fosse così folta, avrà avuto i suoi buoni motivi. Non so se Dio abbia anche predisposto che costoro, per una singolare circostanza, fossero particolarmente numerosi proprio nei luoghi in cui la loro azione poteva essere più dannosa. Fatto sta che papa Francesco se ne trova parecchi intorno. Del resto, il genio non si evidenzierebbe mai da solo, se non emergesse al di sopra della mediocrità che lo circonda.
Probabilmente Dio ha voluto che innovatori e pesatori di cumino si bilanciassero a vicenda, affinché i primi non cadessero in superbia.
Già i due papi del Concilio precedente, Giovanni XXIIII e Paolo VI, hanno sofferto molto per questo, ma il loro temperamento di diplomatici ha sempre prevalso. Papa Francesco sembra meno disposto a farsi tirare il freno a mano mentre guida. Spero che il Signore gli conceda la grazia e il tempo di arrivare a destinazione.


Scarica il PDF di questo testo:
Clicca sul link per scaricare il file PDF. Lo puoi conservare, duplicare e stampare. Lo puoi inviare ai tuoi amici come allegato e-mail o WathsApp. Puoi diffonderlo con ogni altro mezzo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Riceverai periodicamentee gratuitamente informazioni su tutte le nostre attività

Tip

Tip

Tip
 
Cerca nel sito
Sito del Progetto "Vieni e vedi". RnS, Diocesi di Latina. Webmaster: bruno@vss.one
Torna ai contenuti | Torna al menu